Lo studio e la ricerca della verità e della bellezza rappresentano una sfera di attività in cui è permesso di rimanere bambini per tutta la vita. (Albert Einstein)

Approfondimento del Catechismo della Chiesa Cattolica, Giubileo della Misericordia e tanto altro ancora.

RELIGIONE

Premio Res Magnae per la letteratura arrivato alla seconda edizione, Rivista di latino Hebdomada Aenigmatum.

CULTURA

Tutti i progetti che abbiamo realizzato o in fase di realizzazione, le attività su cui siamo coinvolti anche con altri soggetti.

SOCIETA'

I convegni svolti trattando temi relativi alla Criminalità organizzata, alla corruzione coinvolgendo anche le istituzioni.

DIRITTO E LEGISLAZIONE

Convegni sulla Business Intelligence, Criminalità organizzata, temi aperti sulla Corruzione e competitività delle imprese.

CENTRO STUDI

fonte roma sette

Le virtù cardinali, «ordinari attrezzi del vivere»

Dedicato alle quattro virtù cardinali (prudenza, giustizia, fortezza e temperanza) l’incontro che si è svolto ieri, martedì 28 gennaio, nella chiesa di Santo Spirito in Sassia, organizzato dall’associazione “Res magnae” e dalla fondazione “Giovanni Paolo II”. Dopo l’appuntamento del giugno scorso dedicato alle virtù teologali, un’iniziativa, introdotta dal direttore di Avvenire Marco Tarquinio, che ha riportato l’attenzione su alcuni valori fondanti del cristianesimo e sul modo di incarnarli nella quotidianità. 

Dopo i saluti di Marco Italiano, presidente dell’associazione “Res magnae”, e di monsignor Luciano Giovannetti, presidente della Fondazione “Giovanni Paolo II”, Tarquinio ha introdotto le riflessioni dei cardinali Francesco Monterisi, arciprete emerito della basilica papale di San Paolo fuori le mura, Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese orientali, Salvatore De Giorgi, arcivescovo emerito dell’arcidiocesi di Palermo, e Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso, definendo le virtù cardinali «parole dal suono antico, esigenti e servizievoli: non corazze o camicie di forza, ma ordinari attrezzi del nostro mestiere di vivere». 

“Le virtù umane sono attitudini ferme, disposizioni stabili, perfezioni abituali dell’intelligenza e della volontà che regolano i nostri atti, ordinano le nostre passioni e guidano la nostra condotta secondo la ragione e la fede. Esse procurano facilità, padronanza di sé e gioia per condurre una vita moralmente buona. L’uomo virtuoso è colui che liberamente pratica il bene”.

Inizia così la parte terza del Catechismo della Chiesa Cattolica riguardante le virtù umane trattando le virtù cardinali che hanno funzione di “cardine “.

Prudenza, Giustizia, Fortezza e Temperanza abbiamo avuto modo di studiarle al catechismo quando eravamo più piccoli, ma oggi all’ascolto siamo giunti da uomini e la prospettiva cambia per l’esperienza che abbiamo maturato nella nostra vita.

Ed allora affrontiamo con l’atteggiamento prudente il nostro percorso quotidiano fatto di tante difficoltà ed eccessi comportamentali. Mi piace citare il passo del Cardinale Monterisi che indica che forse è la virtù meno inculcata e praticata dall’uomo d’oggi. Adesso tutti trovano necessario agire, muoversi, darsi da fare. Invece è importante ricordare come la Prudenza è una “dosatura sapiente” delle nostre azioni, delle nostre parole e delle nostre passioni, la Prudenza ci fa evitare la precipitazione, propria di persone istintive ed irragionevoli. 

 

Video Backlight

 

         
Ultimi video....        

 

Newsletter Res Magnae

Vuoi conoscere e partecipare ai nostri eventi? Iscriviti alla nostra nwsletter.

Login Form